Sostieni la Scuola


Oltre 300 giovani italiani e di Paesi europei, motivati al lavoro scientifico e di ricerca dalle nostre attività di eccellenza. Oltre 4.000 diversi documenti offerti sui nostri siti web, con circa 500.000 pagine consultate ogni anno da tutto il mondo.

Sostieni anche tu le attività e i servizi del Centro DISF,  scegliendo di donare per:

• borse di studio per tesi di dottorato sul rapporto fra scienza,
filosofia e teologia
• premi a giovani ricercatori meritevoli
• formazione didattica on line
• seminari, convegni e gruppi di studio
• sviluppo dei nostri siti web


-> tramite carta di credito con causale: Scuola SISRI

-> con un bonifico bancario:
intestato a Pontificia Università della Santa Croce
sul c/c 280002 (MPS, ag. 41, Roma)
causale: Centro DISF
IBAN: IT62 U010 3003 2410 0000 0280 002
BIC/SWIFT: PASCITM1R41


-> inviando un assegno bancario non trasferibile
intestato a: Centro DISF - Pontificia Università della Santa Croce
all’indirizzo: Piazza Sant’Apollinare, 49 – 00186 Roma

->con un versamento sul Conto Corrente Postale n. 33287004
intestato a: Pontificia Università della Santa Croce
causale: Centro DISF

Le erogazioni di aziende sono deducibili fino al 2% del reddito d’impresa dichiarato, secondo quanto previsto dall’art. 100, § 2 a) del TUIR, d.P.R. n. 917/86. Contattare previamente la segreteria, info@disf.org, per trasmettere i dati fiscali dell’azienda e richiedere la ricevuta del contributo versato.

Per conoscere meglio le nostre attività e i nostri progetti: 
disf.org/newsletter 
info@disf.org


Hanno seguito le attività del Centro di Ricerca DISF e della Scuola SISRI

Marco Casolino, Ricercatore INFN, Roma Tor Vergata, e Istituto RIKEN, Tokyo

«Aver potuto partecipare ai seminari e workshop del DISF mi ha consentito di ampliare notevolmente i miei orizzonti culturali e di mettere in gioco le mie competenze in astrofisica e fisica fondamentale»

Fisico, Primo ricercatore presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), insegna all’Università di Roma Tor Vergata e lavora presso i laboratori giapponesi del Riken, dove è Team leader di un gruppo di ricerca rivolto alla fisica spaziale. Si occupa prevalentemente di fisica fondamentale (materia, antimateria e ricerca di materia oscura), di fisica delle astroparticelle di alta energia e di metodi di protezione degli astronauti dalla radiazione spaziale. Ha partecipato alla costruzione e al lancio di strumenti a bordo di satelliti (EUSO, Pamela, NINA-1, NINA-2), delle stazioni spaziali internazionali (Altcriss, Sileye-3, Altea, Lazio) e MIR (Sileye-1 e 2). Ha più di 200 pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali, tra cui Nature e Science.

Amata Schira, Dottore in Chimica Inorganica, Politecnico di Zurigo

«In questa Scuola ho finalmente trovato un luogo in cui la prospettiva dello scienziato non è soltanto un deficit da colmare, ma un valido punto di partenza. Ho conosciuto molti altri ricercatori che hanno a cuore le mie stesse domande e condividono l’amore per la scienza da cui sono nate»

Nata nel 1985 in Svizzera, nel 2008 si è laureata in Chimica presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi incentrata sulla sintesi di nanoparticelle magnetiche per il recupero di catalizzatori. È dal 2013 Dottore di ricerca presso il laboratorio di Chimica Inorganica dell’ETH di Zurigo. Lavora all’interno della divisione scientifica di un’industria svizzera che produce principi attivi per farmaci, in particolare nel campo delle cure antitumorali.